Menu

35 Agosto 2007

Pagina vista : 905    

35 Agosto 2007

 

Davvero sono un uomo fortunato:
mi stacco in corsa dal carro della vita
e barcollando al centro della strada
mi infilo ignaro in dedali cortesi.

Sentite cosa m’è accaduto oggi.

Andando per la Via della Speranza,
in un mattino sera e notte insieme,
giunto ch’ero al chilometro duemila,
a destra un folto bosco di scintille,
a manca il lido degli amori azzurri,
mi sono ritrovato steso a riva.

Da naufrago che tal vuol rimanere,
ho avuto in dono dalla buona sorte
la condizione di parlar con Dio
e immaginate quindi tutto il resto.

Da lì a qualche secolo di pace,
son stato circondato all’improvviso
da stelle e primavere incuriosite
e a loro ho raccontato i sogni miei.

Poi, imbambolato e tutto a un tratto
mi son trovato tonto al bel cospetto
del mare contenuto in una goccia,
che mi ha ospitato a lungo nei fondali.

Tornato alla mia sponda sbalordito,
ammesso non bastasse l’accaduto,
ho avuto regalata l’emozione
di riabbracciare, come fosse viva, mia madre...

*
Anno di stesura 2007 - Tratta dal mio libro di poesie “Appena finirà di piovere”, edito da Global Press Italia, prefazione di Angela Ambrosoli (06/2010) - Poesia pubblicata sul Mensile di cultura “Il Saggio” (07/2009) - Premio Provincia di Salerno alla I Ed. del Concorso “Il Saggio/Auletta Terra Nostra” (03/01/09)

Commenti utenti (1) Leggi tutto...
Stampa E-mail
Letteratura - Poesia Fantasy
Scritto da Aurelio Zucchi